• 14 May, 2018

Si dice che una donna guardi il proprio anello di fidanzamento più di un milione di volte nel corso della propria esistenza. Vale proprio la pena scoprire come scegliere quello giusto! Da sempre, rappresenta un pegno d’amore, scelto per dare un primo assaggio di eternità alla futura sposa.

Naturalmente non esistono regole fisse in questo ambito, ma secondo la tradizione il solitario è il tipo di gioiello più scelto per una promessa così importante, sebbene ci sia anche chi preferisce il trilogy, generalmente scelto più per gli anniversari di matrimonio.

Il significato profondo degli anelli di fidanzamento è quello di amore eterno, un modo per pensare che i sentimenti siano immortali. Una promessa incarnata dal diamante, la gemma più dura e resistente in natura. Non è un caso che un famoso claim reciti “Un diamante è per sempre”.

 

L’anello di fidanzamento: come nasce un mito 

Un simbolo universale di amore ed eternità. Questo è l’anello di fidanzamento, che secondo la tradizione dev’essere indossato all’anulare della mano sinistra perché qui, o almeno così credevano gli antichi Romani, ha sede la vena amoris, che dal dito arriva al cuore.

Un simbolo che ha conosciuto alti e bassi. Ricomparso nel Medioevo, questo gioiello è ritornato in auge nelle proposte di matrimonio per poi cadere nuovamente nel dimenticatoio e riaffiorare nel Novecento. Negli anni ’40, a partire dagli Stati Uniti per diffondersi in tutto il mondo, l’anello di fidanzamento è ritornato l’emblema per eccellenza della promessa di unione eterna, accompagnato dalla romantica rappresentazione dell’uomo che si inginocchia nel fare la propria proposta di matrimonio.

 

Come scegliere l’anello di fidanzamento 

Nella scelta del modello di solitario o trilogy, sono sostanzialmente quattro le caratteristiche principali da tenere in considerazione:

  • Il taglio. Più è preciso, più il diamante brilla perché un taglio operato male non permette alla luce di essere riflessa dalle varie facce.

  • La purezza, che dipende da quante inclusioni sono presenti nella gemma.
  • Il colore, che può variare dal più bianco, cioè incolore, al molto giallo. E poi ci sono i “colori fantasia”, disponibili in qualsiasi tinta ma più rari, quindi più costosi.
  • Il peso del diamante, indicato in carati.

 

Anelli di fidanzamento: tra solitari e trilogy 

 

Come accennato, anello di fidanzamento significa soprattutto solitario.

 

 

Vediamo insieme qualche modello che ci farà brillare gli occhi:

Anche i trilogy saranno sicuramente gioielli molto apprezzati dalla futura sposa.

Sebbene siano scelti più frequentemente per gli anniversari, in quanto le tre pietre rappresentano passato, presente e futuro, questa tipologia di anello viene usata anche per la proposta di matrimonio. Molto carine le proposte di Bliss:

Vuoi far sentire la tua fidanzata glamour come Chiara Ferragni? Dai un’occhiata a gioielli da star, una meravigliosa ispirazione per i prossimi regali!